Future Vision… non so quanti tra voi si siano già imbattuti in questi video realizzati dalla Microsoft. Ma se non vi è mai capitato di osservarne uno, è giunto il momento che lo facciate. Assisterete a scenari di convergenza assoluta. Dove l’ambiente che ci circonda diventa il teatro dell’interazione con persone ed informazioni. Ovunque voi siate. Interagirete utilizzando mani, occhi, mente ed un unico dispositivo. Il VOSTRO smartphone che nel frattempo sarà diventato sempre più touch, sensibile, ergonomico, potente e personale. Sostituirà tutta la carta che oggi ci portiamo con noi. Dai biglietti da visita ai memo. Dalla carta di credito alla nostra identification card.

Come in questo caso: “che banca?!”. Pagare con un click. Non fare code. Eliminare i convenevoli. Raccogliere dati in tempo reale. Non vedremo carte, ciclostili ed estratti conto lunghi metri di alberi. Tutto intorno a noi interagirà per fornirci informazioni e renderci le esperienze d’uso dei servizi più semplici e complete. Forse, finalmente qualcuno inizierà a pensare all’utente. Al valore del tempo. All’importanza della serenità. A migliorare la qualità della vita costruendo intorno a noi un mondo più usabile. Per permetterci di concentrarci finalmente su qualità e sostanza. Lasceremo la forma per costruire un pianeta, una società pensante e non solo utilizzatrice e utilizzata.

Fatevi un giro con questo video nella banca del futuro e poi domani mattina fate un salto nella filiale “sotto casa”. Tornate su youtube e chiedetevi “perchè no!”. Avrò poco più di quarant’anni e non vedo l’ora.